L’aria alchemica dei bagni termali…

Ispirata dall’avventura vacanziera dello scorso fine settimana alle Terme di Saturnia, (acqua che sgorga naturalmente fuori dal terreno a 37,5 °C, sulfurea, carbonica, solfata, bicarbonato–alcalina, terrosa, con presenza di gas di idrogeno solforato ed anidride carbonica) ho messo insieme alcuni prodotti acquistati recentemente in varie occasioni, saponi perlopiù purificanti, dato che la mia pelle tende a ungersi e sviluppare impurità:

Saponi e prodotti vari Estate 2011

Un pezzo di sapone di Aleppo Nour al 50% di olio di alloro, acquistato alla Coop, tipo di sapone che ho già provato e recensito e che sto usando da mesi con soddisfazione.🙂 Accanto, nella scatola nera c’è un pezzo di sapone vegetale alla Propolis, fabbricato artigianalmente, che ho comprato al Marea Festival di Fucecchio😀, ad un banchino locale… Lo devo ancora provare, ma l’odore è molto invitante! Delle proprietà della propoli elencherò solo quelle relative alla cura della pelle (per le altre leggere qui)

Sapone alla Propolis1. Attività batteriostatica e battericida

2. Attività antimicotica

3. Attività antivirale

4. Attività anestetica locale

5. Attività cicatrizzante, riepitelizzante

6. Attività vaso protettiva

7. Attività antiossidante

Saponetta purificante allo zolfo I Provenzali
Saponetta purificante allo zolfo I Provenzali

Poi abbiamo una saponetta purificante allo Zolfo firmata  I Provenzali, che contrariamente al vero odore dello zolfo (solfuro di diidrogeno) cioè di uova marce, ha un odore freschissimo, quasi balsamico che ha un effetto benefico anche sulla psiche.🙂

Le proprietà dello zolfo sono infatti purificanti sulla pelle e i bagni in acquee sulfuree pare abbiano effetti benefici anche per problemi respiratori e reumatici.

Inoltre come tutti i prodotti Provenzali, questo sapone è eco-bio e cruelty-free, buoni motivi per acquistare questo e non altri.

Le ultime due saponette Zefiro, acquistate alla Coop di Montespertoli (FI), sono anch’essi 2 saponi naturali, vegetali e biodegradabili. Lo Zefiro è un sapone nostrano, prodotto a Castelfiorentino che solitamente vendono in mercati e fiere di paese eco-bio e vegane.

Le mie due scelte sono ricadute su di un sapone purificante all’argilla e uno rinfrescante al rosmarino e cannabis sativa, dal profumo esotico ed inebriante (a buon intenditor, poche parole!😉 ).

Sempre in ambito purificante, ma poco eco-bio, ho voluto provare il gel detergente esfoliante anti-punti neri della linea Garnier Skin Naturals – Pure, all’acido salicilico e zinco purificante. E’ un prodotto esfoliante e in quanto tale, va usato con parsimonia se non si vogliono fare danni alla nostra pelle, perchè se usato in eccesso potrebbe irritarla e seccarla, favorendo una reazione inversa.

Ho voluto inserire nella foto anche un prodotto dei Tesori d’Oriente, un doccia crema all’aroma di Ibisco e Pepe Rosa. Ho sempre utilizzato questo brand, senza preoccuparmi tanto dell’INCI, che non è assolutamente eco-bio, ma non è neanche troppo malvagio. Unica caratteristica che potrebbe creare forse allergie e irritazioni è che il Parfum è al terzo posto dell’INCI, molto in alto nella formulazione e quindi ce n’è in gran quantità, lo si scopre appena si apre il flacone! Ed effettivamente è il motivo per cui ricado sempre su questi prodotti, perchè hanno davvero dei profumi inebrianti che stregano!😉

Et dulcis in fundo, a proposito di profumi inebrianti, ecco che mi accingo ad usare l’ olio rilassante alla lavanda Weleda, dall’odore fresco e balsamico, profumo che purifica l’ambiente e rilassa la mente ed il corpo; è un ottimo olio per i massaggi, provatelo dopo una bella doccia fresca alla fine di una calda giornata!

E’ la seconda volta che scelgo un prodotto Weleda, dato che alla prima ero rimasta soddisfatta (avevo provato il tonico alla rosa mosqueta) ho voluto prendere anche questo, che ha un ottimo INCI, costituito prevalentemente di oli vegetali (olio di mandorle dolci, olio di sesamo, olio di lavanda) e quasi completamente biodegradabile.

2 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. Marialuisa
    Lug 06, 2011 @ 10:21:01

    con questo caldo anche la mia pelle secca ha bisogno di depurarsi! che figata la saponetta allo zolfo che profuma xD miraaacolo!

    Rispondi

    • themakeupartistry
      Lug 07, 2011 @ 14:36:45

      si davvero! è un profumo davvero fresco…. eppure nell’INCI non c’è scritto Parfum, quindi deve essere uno degli oli contenuti nel sapone a profumare così: Sodium Palmate, sodium cocoate, acqua, sulfur, glycerin, Lecithin, olea europea oil, prunus amygdalus dulcis oil, citric acid, Thymus Vulgaris oil, tetrasodium etidronate. si deve essere l’olio di Timo! cmq non è la prima volta che uso prodotti allo zolfo che abbiano questo profumo… probabilmente il TIMO è spesso abbinato allo zolfo! vedere anche i prodotti termali Tabiano! così freschi!

      Rispondi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001.
Qualora gli interessi di qualcuno venissero lesi, sono disponibile al confronto ed alla eventuale rimozione del contenuto in questione.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: